Terapia in infanzia ed adolescenza

Approccio al trattamento del disagio in infanzia ed adolescenza.

Il mio approccio al trattamento del disagio in infanzia ed adolescenza – “idealmente” può essere suddiviso in due principali aree : quella delle difficoltà emotive e psicologiche e quella dei Disturbi del Neurosviluppo.

Disagio emotivo e psicologico
Stress, ansia, ossessioni nei bambini, Depressione infantile, Disturbi del neurosviluppo

 

L’approccio di tipo psicoterapeutico riferito alla prima area riguarda le difficoltà definite in termini di disturbi internalizzati (ansia, ossessioni, depressione, problemi psicofisiologici, ritiro sociale, bassa autostima, problemi scolastici, scarse relazioni sociali) e disturbi esternalizzati (disturbo da deficit d’attenzione e iperattività, disturbo oppositivo provocatorio, disturbo della condotta). La prospettiva cognitivo-comportamentale applicata all’età evolutiva nel corso degli ultimi anni ha avuto una importante diffusione in Italia.

Tale diffusione è dovuta al fatto che essa :

(a) si dimostra efficace in una vasta gamma di disturbi psicologici del bambino e dell’adolescente;

(b) è saldamente ancorata alla ricerca scientifica, per cui i suoi metodi vengono continuamente sottoposti a verifica;

(c) è in continuo perfezionamento, evolvendosi man mano che si acquisiscono nuove conoscenze nell’ambito della psicopatologia;

(d) è efficiente, in quanto giunge alla soluzione di buona parte dei disturbi del bambino e dell’adolescente in un tempo relativamente breve. Leggi l’articolo per saperne di più .

 

Disturbi del Neurosviluppo
Il Disturbo dello spettro autistico, Il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattivita’ (ADHD), Disabilita’ intellettiva, Disturbi della comunicazione, Disturbo Specifico dell’Apprendimento

 

L’intervento in infanzia ed adolescenza in presenza di Disturbi del Neurosviluppo si presenta molto più articolato. La metodologia complessa che utilizzo per fornire aiuto ai bambini ed alle famiglie con queste difficoltà prevede la strutturazione di un modello specifico di intervento in team (équipe di professionisti) che contempla :

a) un forte riferimento scientifico (teorie dell’apprendimento, analisi e modificazione del comportamento);

b) elevati livelli di specializzazione rispetto alle singole problematiche in infanzia ed adolescenza e formazione continua degli operatori costante supervisione clinica sulla base del modello scientifico di riferimento;

c) la presa in carico di “bisogni “speciali” a più livelli (garantendo una crescita a tutti gli attori coinvolti – famiglie, professionisti, contesti scolastici, sistemi formali di cura, organismi di supervisione, istituzioni accademiche) ed operare in più ambiti e setting (domiciliare, scolastico, ambienti di vita quotidiano delle persone con difficoltà);

d) la costante sensibilizzazione e formazione dei sistemi interagenti (famiglia, scuola, agenzie educative, caregivers).

Please follow and like us:
Follow by Email
YouTube
YouTube
LinkedIn
LinkedIn
Share
Instagram